LA VIA DEL RISVEGLIO

Da MILANO IL CERCHIO a SANBOJI -Monastero Zen Località Pradiolo 37 Pagazzano -Berceto (PR)

La Via del Risveglio è un percorso di meditazione camminata e di consapevolezza da percorrere insieme lungo le strade della via Francigena.

Da MILANO IL CERCHIO a SANBOJI -Monastero Zen
Località Pradiolo 37 Pagazzano -Berceto (PR)
La Via del Risveglio è un percorso di meditazione camminata e di consapevolezza da percorrere insieme lungo le strade della via Francigena

Il percorso è percorribile in qualsiasi momento dell’anno in modo da:
• Durata stimata: da 7 a 8 giorni
• Descrizione percorso: da Milano si segue il Naviglio Pavese con tappa
a Certosa di Pavia; da Pavia a Berceto è tutta Via Francigena, chiedere le credenziali della via francigena sul loro sito

La maggior parte degli insegnanti di meditazione buddhista ci dice
di concentrarci sul respiro. Un suggerimento è contare le nostre esalazioni, da uno a dieci, e poi di nuovo da una. Questo può facilitare l’assorbimento nell’atto del respiro, ciò che lo Zen chiama susokkan, letteralmente la contemplazione che consiste nel contare il proprio respiro.
Fai qualche respiro. Ascolta. Hai sentito degli uccelli? Cosa ti sta dicendo
questo posto? Una brezza ti colpisce il viso? Riesci a sentire l’odore del
terreno o della vegetazione intorno a te? Che sapore hai in bocca? Fai
alcuni passi lenti e senti davvero la tua scarpa che tocca il terreno, il tuo
peso che si sposta, il tuo piede posteriore che si alza e oscilla in avanti
nel passaggio successivo. Se stai salendo ripidamente, fai un passo di
riposo bloccando la gamba posteriore con la maggior parte del tuo peso
su di essa, fermati, quindi fai un passo avanti sul piede anteriore. Questa
può essere una forma di meditazione camminata, quella che chiamano i
praticanti Zen giapponesi Kinhin le F.A.Q dei Pellegrini

TAPPE
#1 MILANO- CERTOSA DI PAVIA
#2 CERTOSA DI PAVIA- BELGIOSOSO
#3 BELGIOIOSO- ORIO LITTA
#4 ORIO LITTA – PIACENZA
#5 PIACENZA-FIORENZUOLA
#6 FIORENZUOLA – FIDENZA
#7 FIDENZA – FORNOVO
#7.1 Fornovo-Sivizzano
#8 FORNOVO- CASSIO
#9 CASSIO- SANBOJI
#8A FORNOVO- SANBOJI
ACCOGLIENZE DISPONIBILI
Hotel Certosa-Hotel Monumento
HOTEL ITALIA
Agriturismo il Gandulin
HOTEL RISTORANTE CAVALIERE
Ostello Grangia Benedettina
Ostello del Teatro
Santa Maria di Campagna Convento Francescani
Montale Ostello San Pietro
Parrocchia di San Fiorenzo
Hotel Mathis
Affittacamere Il Duomo
Ospitale San Donnino
Albergo San Donnino Fidenza
Ostello Parrocchia Santa Maria Assunta
Locanda Al Ponte
Ostello Parrocchia Santa Margherita Vergine e Martire
Ostello di Cassio
SANBOJI Tempio dei Tre Gioielli (chiamare e prenotare )

credenziali della via francigena da richiedere sul loro sito

PERCORSO IN 8 TAPPE

MILANO – BERCETO:

Una frase di Shunryū Suzuki in Menīe Zen Menīe Principianīe dice:

“Se è irrealizzabile come possiamo realizzarlo? Ma dobbiamo! Questo è il Buddhismo.

Pensare: siccome è possibile lo faremo, non è Buddhismo”.

ISTRUZIONI PER LA MEDITAZIONE CAMMINATA

  • La tecnica chiave per la meditazione camminata è essere consapevoli di camminare e consapevoli del contatto dei piedi con il suolo. Prima di iniziare la meditazione camminata, il pellegrino dovrebbe preparare un percorso a piedi.
  • Il pellegrino dovrebbero camminare in consapevolezza cioè concentrare l’attenzione sul passo evitando di distogliere l’attenzione quindi portare consapevolezza e attenzione al corpo. Prima di inziare insieme il cammino, faremo 2 minuti di silenzio e inizieremo poi a camminare concentrando gli occhi a terra / pavimento a circa sei piedi di fronte a te o a una distanza adeguata per ogni individuo.
  • Mentre camminiamo, noteremo e questo sorgere e svanire di sentimenti mentre le piante dei piedi si sollevano o toccano il suolo. Mantieni la massima attenzione sulle sensazioni che sorgono camminando. Camminare velocemente o lentamente dipende da ogni persona. Se la mente vaga molto, camminare lentamente è adatto. Quindi riporta la mente alle sensazioni ai piedi e continua a camminare. Mentre si cammina la mente può diventare calma e tranquilla. Fermati e resta in piedi per permettere alla mente di sperimentare questa calma e tranquillità.
  • Camminando in compagnia di maestri spirituali e amici, spalanchiamo gli stretti muri di preoccupazione per noi stessi in cui normalmente si svolgono i nostri drammi personali. Invece, ci eleviamo a una nuova prospettiva, una prospettiva universale, che prende il bene di tutti come nostro ideale guida. Ancora più esplicitamente, esprimiamo la speranza, la fiducia, e la convinzione che l’umanità nel suo insieme prospera meglio quando prosperiamo tutti insieme.

Associazione Europea delle Vie Francigene – rete del Consiglio d’Europa
Comune di Berceto